PagineDi- Trenta e Lode
Contatti
  • Home
  • News
  • Salone del libro
  • Venerdì 13 maggio. La seconda giornata di #SalTo2016. ShareCulture.coop – libro come trave portante della cultura

Venerdì 13 maggio. La seconda giornata di #SalTo2016. ShareCulture.coop – libro come trave portante della cultura

La seconda giornata del Salone ha avuto una rilevanza particolare per la cooperativa Trenta e Lode, promotrice del progetto Pagine Di. Oggi, insieme ad altre tre importanti cooperative del settore culturale in Italia – CoopCulture, DOC Servizi e Mandragola Editrice – abbiamo presentato il progetto ShareCulture.Coop.

ShareCulture.Coop è un progetto di sviluppo di rete fra imprese che operano nella cultura. L’obiettivo è quello di costruire una piattaforma collaborativa per creare nuove opportunità per gli operatori e i pubblici di tutti i settori della cultura.

Ogni cooperativa facente parte della nuova piattaforma collaborativa è intervenuta parlando del proprio contributo al progetto.
Lucetta Paschetta, presidente di Trenta e Lode, ha affermato: “Partecipiamo a ShareCulture.coop perché crediamo che il libro sia il fondamento per tutti i settori della cultura. Insieme ai nostri partner sviluppiamo dei nuovi servizi, che presto saranno disponibili anche ai nostri editori”.

Un’analisi dettagliata del progetto è stata presentata dal tavolo degli esperti, composto da Luca Dal Pozzolo, tavolo tecnico “Europa creativa” del MiBACT, Monia Castellini, docente di economia e management dell’Università degli Studi di Ferrara e Marta Mainieri, presidente del portale Collaboriamo.org. Durante i loro interventi sono stati approfonditi i concetti dell’internalizzazione, intersettorialità, importanza delle risorse professionali giuste e dell’economia di collaborazione.

A completare la presentazione è stato Roberto Calari, presidente di MediaCoop, che ha sottolineato che “ShareCulture.coop sarà una rete che si apre alla società ragionando in termini di innovazione”.

La presentazione è stata moderata da Andrea Maulini, esperto di comunicazione, che ha anche coordinato il primo incontro dedicato alla fase operativa del progetto