PagineDi- Trenta e Lode
Contatti

SPAZIO EDITORI DEL PIEMONTE ALLA FIERA DELLA PICCOLA E MEDIA EDITORIA DI ROMA “PIU’ LIBRI PIU’ LIBERI”.

PARTECIPAZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE ALL 17* EDIZIONE DELLA FIERA DELLA PICCOLA E MEDIA EDITORIA DI ROMA “PIU’ LIBRI PIU’ LIBERI”. GESTIONE E COORDINAMENTO SPAZIO EDITORI DEL PIEMONTE Affidamento del servizio in oggetto con determinazione dirigenziale n. 536 del 13/11/2018, a cura di Direzione Promozione della Cultura, Turismo e Sport. Settore Promozione dei Beni Librari e Archivistici, Editori ed Istituti Culturali Totale affidamento € 4.000,00 La Società Cooperativa Trenta e Lode Distribuzione ha organizzato la partecipazione degli editori indipendenti del Piemonte alla 17* Edizione della Fiera Nazionale della Piccola e media editoria Più libri, più liberi, Roma 5-9 dicembre 2018. La Fiera si è conclusa anche quest’anno con un grande successo di pubblico, come hanno rilevato i numerosi articoli sui maggiori quotidiani nazionali. Le presenze complessive sono state leggermente penalizzate dal fatto che ci sono stati solo 2 giorni festivi sui 5 della Fiera, ma nel week end c’è stato un buon recupero. Lo Spazio Editori del Piemonte è stato molto visitato. Si trovava al primo piano, solitamente dedicato agli stand più istituzionali e agli eventi, dove quest’anno comunque erano presenti anche stand di editori, in posizione visibilissima. Era uno spazio aperto, pensato e allestito per facilitare la fruizione da parte dei visitatori. Nei cinque giorni espositivi abbiamo modificato il lay out per fare in modo che, a turno, tutti gli editori venissero  posizionati sul perimetro esterno dello stand, anche se la concezione dello spazio permetteva una più che buona visibilità ovunque. L’esposizione è stata organizzata per editore in modo che i visitatori potessero avere un’idea della tipologia di proposta. E’ stato fatto un corner bambini con gli editori che avevano un catalogo per l’infanzia (e in alcuni momenti è stato preso d’assalto da piccoli potenziali lettori!) Dal numero delle presenze, dalle domande che moltissimi ci hanno fatto, dai cataloghi distribuiti e informazioni diffuse,  ci sembra di poter dire che la proposta nel suo complesso abbia suscitato grande interesse. Interesse che non sempre si è concretizzato in vendite, ma crediamo che abbia fatto conoscere e apprezzare l’editoria piemontese.

Alleanza Coop Comunicazione partner di BOOK PRIDE 2018 per la seconda edizione a Genova

Dal 28 al 30 settembre 2018 Book Pride, Fiera Nazionale dell’editoria indipendente organizzata da ODEI – Osservatorio degli Editori Indipendenti, sarà per la seconda volta a Genova a Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura con la presenza di oltre 80 case editrici della piccola e media editoria a testimoniare l’eccellenza dell’editoria indipendente in Italia, con un’importante rappresentanza dell’editoria ligure, la rinnovata collaborazione con le librerie indipendenti locali e il coinvolgimento per la prima volta di spazi e realtà culturali genovesi particolarmente rinomati e attivi sul territorio (BOOK PRIDE OFF). Ritorna anche BOOK YOUNG, lo spazio dedicato a bambini e ragazzi.
L’Alleanza delle Cooperative Italiane Comunicazione ha deciso di partecipare alla seconda edizione Book Pride di  Genova e di esserne partner confermando la condivisione degli obiettivi di promozione della lettura e di difesa della bibliodiversità. Stare al fianco degli editori e delle librerie indipendenti, per far crescere in Italia la lettura e con essa la cultura, collaborare con gli operatori della filiera editoriale all’obiettivo di rendere più democratico il mercato, a difesa della bibliodiversità, promuovere un consumo consapevole da parte del lettore, sono impegni che la Cooperazione, che affonda le sue radici nella consapevolezza e nella partecipazione dei cittadini, sente assolutamente come connaturali ai propri valori. Il tema “Tutti i viventi”, scelto per questa seconda edizione di Book Pride Genova, dà valore a parole quali: progetti, legami, indipendenza, coscienza, orgoglio, laboriosità, prendersi cura; parole fortemente presenti nel vocabolario della Cooperazione. Su questi temi l’Alleanza Cooperative Italiane Comunicazione intende portare, in questa edizione di Book Pride, le visioni e le esperienze delle cooperative associate. “Tutti i viventi” vuole anche dire: condivisione, solidarietà, fare comunità. Valori indispensabili  che certamente saprà esprimere la città di Genova, così duramente colpita. Per conoscere gli editori che parteciperanno a Book Pride Genova 2018 clicca qui Leggi il Programma completo Book Pride Genova 2018 Per maggiori info: www.bookpride.net | fiera@bookpride.net

E’ NATA ADEI, LA NUOVA ASSOCIAZIONE DEGLI EDITORI INDIPENDENTI

Dopo aver divorziato da Aie nel 2011 gli editori indipendenti si ritrovano e costituiscono ADEI. Associazione Degli Editori Indipendenti I principali obiettivi dell’associazione sono: combattere i canali preferenziali dei grandi editori e ridurre gli sconti massimi sui libri dal 15% al 5% modificando la Legge Levi. L’associazione nasce dalla fusione di tre realtà attive: Odei (osservatorio degli editori indipendenti), gli Amici del Salone di Torino che si sono costituiti a sostegno dell’evento piemontese, e Fidare, un’associazione che raggruppa piccoli editori indipendenti. Quello che appare evidente è che le concentrazioni editoriali, il significativo controllo di tutte le parti della filiera da parte dei grandi gruppi editoriali, la mancata attuazione di una nuova legge per il libro, he regolamenti in modo più significativo gli sconti, al fine di recuperare margini economici e di azione per tutti gli operatori, non hanno fatto crescere la lettura in Italia, non hanno favorito lo sviluppo del mercato nel suo insieme, né tanto meno la vita delle librerie indipendenti (molte, infatti, hanno dovuto chiudere in questi anni). Il mercato stesso del libro va ripensato e reso più equilibrato e democratico per salvaguardare il pluralismo culturale. Trenta e lode è da sempre al fianco degli editori indipendenti e con l’occasione vogliamo fare gli auguri alla neonata associazione. Speriamo di poter lavorare insieme per una filiera editoriale al passo con i tempi e che dia soddisfazione a tutti gli operatori. Per saperne di più Futura News Immagine

Cultura, comunità e impresa al Salone del libro di Torino

Le città, come i sogni – scriveva Italo Calvino – sono costruite da desideri e da paure, e il leit-motiv scelto dall’Alleanza delle Cooperative Italiane Cultura per il suo intenso programma di iniziative, “Per non temere il futuro occorre immaginarlo”, dilata le implicazioni del tema dell’edizione 2018 del Salone del Libro di Torino (Un giorno tutto questo…) alle potenzialità ed al valore della cultura come elemento connettivo delle comunità, elemento implicito all’azione cooperativa nella sua missione ideale e nella pratica di impresa. Articolo Completo

ANALISI CULTURALE ED ECONOMICA DELLA FILIERA EDITORIALE

RIPENSARE AD UN FUTURO DIVERSO ATTRAVERSO L’INNOVAZIONE DI IDEE.

A Book Pride 2017, la fiera degli editori indipendenti che si è svolta a Milano da 24 al 26 marzo e della quale è stata partner l’Alleanza delle Cooperative Italiane Comunicazione, l’ISTAT ha presentato i dati della “Lettura in Italia”. Una diapositiva “Chi legge partecipa” ha evidenziato la stretta connessione che esiste tra l’abitudine alla lettura e la partecipazione ad attività culturali. Insomma, in poche parole, chi legge partecipa di più. Detto così sembra scontato, ma, se così fosse, il problema della promozione della lettura dovrebbe essere centrale per tutti gli operatori del mondo culturale. Insomma la scarsa abitudine alla lettura presente in Italia è senz’altro un ostacolo per tutti quelli che di cultura vivono. La proposta, quindi, è quella di riconoscere che la crescita della lettura in Italia e la salvaguardia dell’editoria e delle filiere editoriali indipendenti possono e devono essere obiettivi comuni di tutti i settori presenti in CulTurMedia. Il libro è, di fatto, un alleato prezioso dei giornali, dei musei, del cinema, della musica e di tutte le forme dell’arte. Innanzitutto al nostro interno, dunque, va attivata una forte alleanza per offrire al Paese questo prezioso contributo alla crescita. Per quello che riguarda il Sud, nuovamente i dati ISTAT rilevano quanto segue: 48,7%  I lettori nel Nord-Est e 48,5% nel  Nord- Ovest 42,7% i lettori nel Centro Italia 27,5 la percentuale di lettori nel Sud 30,7 il lettori nelle Isole: comportamento differenziato tra Sardegna (45,7%) e Sicilia (25,8). Persone di 6 anni e più che hanno letto almeno un libro  per regione – anno 2016 (per 100 persone di 6 anni e più). Anche la battaglia a favore dello sviluppo del Sud, quindi, deve vedere la promozione della lettura e del libro come strumento di crescita culturale e di assunzione di maggiore consapevolezza da parte dei cittadini. “Senza librerie 13 milioni di italiani” titolava a gennaio 2017 il Sole24 Ore; e in percentuale, ovviamente, al Sud il fenomeno è ancora più accentuato. Una bella sfida da affrontare quella di portare l’Italia ai livelli di lettura degli altri paesi europei. CulTurMedia questa sfida la sta affrontando, ormai da qualche anno, contribuendo anche a far diventare di tutti il concetto che cooperare tra i vari attori della filiera editoriale è indispensabile per provocare cambiamenti utili al nostro paese per far crescere la lettura e nello stesso tempo arginare la crisi del settore. Il Salone Internazionale del Libro di Torino è stato un appuntamento importante per un confronto con tutti gli attori della filiera. Si sono aperte prospettive di lavoro comune con i rappresentanti di settore sia sull’aspetto più politico, come la legge sul libro, sia più operativo: la promozione turistica attraverso i libri, in marchio di qualità di filiera editoriale, valorizzazione dei territori colpiti dal terremoto attraverso i libri, la promozione della lettura, la cultura vista attraverso gli occhi delle donne. Servono nuovi strumenti legislativi e di promozione per il libro Per quel che riguarda i primi CulTurMedia (insieme a tutta l’Alleanza delle Cooperative Italiane Comunicazione) ha fatto sua la battaglia per la regolamentazione degli sconti, a salvaguardia di una filiera che continua a perdere pezzi. La concentrazione dei grandi gruppi editoriali, proprietari anche di reti distributive e di un numero significativo di librerie sul territorio, la presenza commercialmente aggressiva di Amazon, hanno ristretto i margini economici e di azione dei molti operatori indipendenti. Contemporaneamente il numero di lettori continua a scendere. Bisogna con urgenza ripensare alla filiera editoriale. Le marginalità operative sono troppo scarse per poter sostenere i vari attori della filiera. Iniziare a domandarci dove andare a modificare dei passaggi che si sono consolidati nel tempo ma che non sono più sostenibili, è uno dei presupposti che CulTurMedia deve iniziare a valutare, con strumenti autorevoli, studi e ricerche. Un’attenta analisi economico finanziaria del settore. Un’analisi delle motivazioni che portano il mercato editoriale a pubblicare libri di cui già si conosce l’epilogo: il macero. Quale bolla finanziaria o processo impazzito crea questo cortocircuito economico? Quali sono gli strumenti che la filiera editoriale etica e indipendente deve apportare al suo modo di costruire impresa per riuscire a sostenersi sul mercato? Non è una domanda che si pongono solo i piccoli editori indipendenti. Sempre di più, fermare questa giostra impazzita, diventa indispensabile per salvaguardare un’espressione culturale ed editoriale che rischia di sparire. Ma, è anche sulla promozione della lettura che la Cooperazione può fare molto, sia nel settore proprio di CulTurMedia, sia in tutto il mondo della Cooperazione; in tanti settori, infatti, il movimento cooperativo ha contribuito alla crescita di consapevolezza, sia dei propri soci, sia dei cittadini con i quali è entrato in rapporto. Sarebbe, quindi, importante interrogarci su gli scambi utili e le sinergie che possono essere messe in campotra i settori della nostra Associazione. Il punto di forza della Cooperazione è la cooperazione. Caterina Paschetta Vicepresidente CulTurMedia con delega all’Editoria

30ESIMA EDIZIONE DEL SALONE INTERNAZIONALE DEL LIBRO DI TORINO: DIAMO I NUMERI!

Si è chiusa una fortunatissima edizione del Salone, che ha registrato 165.746 visitatori, di cui 140.746 al Salone presso il Lingotto Fiere, e oltre 25.000 per le iniziative in città.  Cinque giorni di festa, incontri, conferenze, presentazioni. Cinque giorni fianco a fianco con i nostri editori e nuove realtà con cui discutere e confrontarci sui temi dell’editoria che ci stanno più a cuore. Anche noi di Trenta e Lode, con il marchio Pagine Di, eravamo presenti, nello stand di Alleanza delle Cooperative Italiane. Con Alleanza delle Cooperative, abbiamo collaborato all’organizzazione di 11 incontri. Lucetta Paschetta, Presidente di Trenta e Lode e Vicepresidente di Cultur Media di Lega Coop, è stata relatrice in 6 di questi incontri, in cui sono stati affrontati temi quali l’editoria per la promozione turistica dei territori, la realizzazione di una “carta” per una filiera editoriale indipendente e di qualità, il ruolo delle istituzioni pubbliche e la realizzazione di una consulta permanente tra i diversi attori imprenditoriali e sociali per la promozione della lettura e le donne che fanno storia, che fanno impresa e l’importanza dello “sguardo” femminile nelle politiche culturali. Nella giornata conclusiva del Salone, la Regione Piemonte ha presentato agli editori i progetti finanziati per la promozione e la valorizzazione della piccola editoria indipendente del Piemonte, tra i quali tra i quali figura quello realizzato da Trenta e Lode. Grande soddisfazione per il nostro editore Instar Blu che, come riporta il comunicato stampa finale del Salone, ha registrato rispetto lo scorso hanno un incremento del 30%, vendendo uniformemente tutto il catalogo: dei 200 titoli che sono stati portati al Lingotto, molti dei quali non più disponibili nelle librerie, ne sono stati venduti con uniformità più di 150. Arrivederci a Torino, Lingotto Fiere, dal 10 al 14 maggio 2018 per la 31° edizione del Salone Internazionale del Libro (è ufficiale)!